Carta e cartone aiutano l’ambiente

La carta promuove la gestione sostenibile delle foreste e il riciclo di propri prodotti. In termini ecologici, in Europa sono più gli alberi piantati che quelli tagliati e i prodotti di carta (cartone incluso) costituiscono anche il materiale più riciclato.
Le foreste europee crescono di un’area pari a 1,5 milioni di campi da calcio ogni anno.
Secondo le statistiche della FAO, l'industria cartaria fa un utilizzo relativamente ridotto del legname.
Di tutto il legno ricavato dalle foreste del mondo, il 53% viene destinato alla produzione energetica, il 28% finisce nelle segherie e soltanto l'11% trova applicazione diretta nell'industria della carta. La deforestazione di cui viene accusata l’industria della carta è in realtà cagionata per il 90% da pratiche agricole non sostenibili.
In Europa, dove quasi tutte le foreste primarie sono protette, la carta viene ricavata da foreste di produzione semi-naturali, dove il ciclo di piantumazione, crescita e taglio è rigorosamente controllato. E in questo ambito, l'industria cartaria si avvale di una serie di rigorosi sistemi di certificazione, istituiti per assicurare che la carta che utilizziamo provenga da una foresta sostenibile, ripiantumata con criterio. Attualmente sono in vigore una trentina di sistemi; i due principali standard di certificazione sono l'FSC (Forest Stewardship Council) e il PEFC (Programme for the Endorsment of Forest Certification).
Questa pratica legata ai cicli di piantumazione, crescita e taglio consente, tra l’altro, un maggiore assorbimento di anidride carbonica, rispetto a una foresta matura (storica) composta da alberi più anziani.
Gli alberi sono una risorsa fondamentale per la qualità dell'aria. Aiutano a rimuovere l’anidride carbonica (CO2) dall’atmosfera attraverso la fotosintesi clorofilliana, trattenendo il carbonio all'interno delle fibre. La CO2 continua a essere conservata anche nel legno e nei materiali che se ne ottengono, come la carta e il cartone, senza essere rilasciata nell'atmosfera anche nei diversi passaggi di lavorazione e di utilizzo. Con il riciclo della carta e prolungando la vita dei prodotti fatti di carta, contribuiamo quindi a trattenere il carbonio fuori dall'atmosfera più a lungo.
Anche nell’attuale era digitale non vi è supporto elettronico capace di competere con le caratteristiche di fisicità, durata e praticità della carta. Anzi, secondo lo Swedish Royal Institute for Technology, la lettura di un quotidiano cartaceo può comportare un consumo di anidride carbonica inferiore fino al 20% rispetto alla visualizzazione delle notizie online per circa 20 minuti.
Sono innumerevoli le tipologie di carta oggi esistenti: il massimo della scelta per fornire il supporto ideale a ogni tipo di messaggio. E se uniamo a questo la varietà di metodi e tecniche di stampa oggi disponibili, ecco che abbiamo un insostituibile ventaglio di creatività, di comunicazione, di emozioni… ecologicamente sostenibili.
Carta e cartone conferiscono valore alla comunicazione.

Fonti :
www.cepi.org
www.twosides.info
www.fao.org