QTI - N. 06

Tascabili di fotografia della Svizzera italiana

TI-Press, di Adriano Heitmann

Questo numero dei Tascabili QTI l’ho voluto dedicare ad un aspetto della fotografi a:
lo sport. Come mi dice Davide Agosta, fondatore ed anima, con la sorella Francesca,
dell’agenzia fotografi ca Ti-Press, “lo sport è uno dei settori nel quale, oggi in Ticino,
la professione del fotografo più si esalta”. Anch’io iniziai negli anni ’70 con lo sport.
Eravamo in pochi a poterla esercitare: ci volevano teleobiettivi potenti, grande velocità
di reazione, saper prevedere l’attimo irrepetibile e simbolo dell’evento. E oggi,
malgrado le nuove tecnologie – penso all’avvento dell’ autofocus e delle elevate
sensibilità dei sensori – le cose sono più semplici, ma non poi così tanto. Per questa
ragione mi è parso doveroso dedicare un quaderno alla Ti-Press che, dalla sua
fondazione nel 1993, ha dato prova di saper affrontare tutti i maremoti che hanno
caratterizzato la fotografi a di stampa. Francesca Agosta, docente di sport, ha abbandonato
l’insegnamento nel 1995 per seguire le orme tracciate dal fratello. L’agenzia è
oggi guidata dai due fratelli che hanno dimostrato notevoli capacità imprenditoriali.
L’attività è gestita in un ambiente familiare e basata su un affi atato team-work.
Guardando al passato, Francesca parla di magia che aleggia su Ti-Press, una
capacità di interpretare creativamente i tempi. “Ognuno ha il suo ruolo ma alla base di
tutto vi è lo spirito intraprendente del freelance”: Per questo motivo è necessario che
tutti i nostri fotografi siano disposti a rispondere in tempi brevi alle richieste dei
giornali. Oltre a Davide e Francesca lavorano quali fotoreporter Benedetto Galli,
Gabriele Putzu, Carlo Reguzzi e Samuel Golay. In passato hanno collaborato con
Ti-Press Fiorenzo Maffi , co-fondatore con Davide, Alessandra Balestra, Ely Riva,
Reto Albertalli, Donato Morello e Tatiana Scolari. Lascio dunque al lettore il compito
di leggere, tramite le immagini che propongo in questa edizione, l’anima creativa di
questa realtà “collettiva” ticinese.